mercoledì 11 aprile 2012

Blueboy - If wishes were horses


Le cose semplici, genuine nella vita vengono spontanee, i Blueboy, duo pop britannico, nascono dall'amicizia fra Keith Girdler e  Paul Stewart. A una festa di qualche amico comune, i due cominciano a parlare di dischi per ore ed ore. Scocca la scintilla magica: Girdler e Stewart condividono gli stessi gusti musicali, senza pensarci due volte, formano un gruppo, i Fevertrew. I primi germogli crescono, ma è ancora presto per la primavera. L'idillio giunge a compimento solo qualche anno dopo, quando a Girdler e Stewart si aggiungono altri tre componenti.
La band suona live in piccoli locali, raggiunge il successo nella cittadina natale di Reading, ma si scioglie poco dopo. Girdler e Stewart ci riprovano con un nuovo progetto: i Blueboy. Registrano un demo tape in un capannone di un amico e inviano una delle canzoni , "Clearer" alla Sarah Records. L'etichetta decide di pubblicarla come singolo nell'autunno 1991. Nel frattempo nella line-up cambiano gli equilibri,  i Blueboy diventano un vero e proprio collettivo: subentrano il chitarrista Harvey Williams (ex-componente di Field Mice, Another Sunny Day), la cantante / violoncellista  Gemma Townlet, il bassista Mark Andes e il batterista Lloyd Armstrong. Nel 1992 ritornano con un nuovo singolo "Popkiss" e con il primo album "If wishes were horses", pubblicato sempre sulla fedele Sarah Records. "If Wishes were horses" è un disco d'esordio solido e maturo. Fare pop non è mai facile, in un batter d'occhio si scade nel banale, in ballate melense colonna sonora dei peggiori bar di Buenos Aires. Girdler, per sua stessa ammissione, si rifiuta di scrivere tediose canzoni di amore tra un ragazzo e una ragazza, preferisce l'ambiguità. Quella dose di ambiguità tipica della tradizione pop inglese, l'abilità nello smuovere e confondere le acque di Morrisseyana memoria. In scala minore Keith Girdler conferisce un velo di mistero e imprevidibilità ai testi. Particolarmente studiata è invece la parte musicale: le strutture armoniche risultano curate nei minimi particolari, nella fase di scrittura e registrazione niente è lasciato al caso, ogni passaggio strumentale presenta una sua motivazione di fondo. I brani sono piccoli pezzetti di un puzzle immaginario: hanno una forma precisa e combaciano l'un con l'altro. Con accortezza i Blueboy cercano di ricomporre i tasselli mancanti e regalarci la gioia infantile di disfare e rifare il puzzle.




10 commenti:

face ha detto...

bel pezzo molto king of convenience....

Overthewall91 ha detto...

Hai colto nel segno, Face. I kings of convenience e perchè anche i Belle & Sebastian hanno preso molto dai Blueboy.

Andrea ha detto...

E' vero, ricordano i kings e anche un po' i Belle.

Overthewall91 ha detto...

Già :).

nella ha detto...

Copertina entusiasmante...disco da ascoltare! Non li avevo mai sentiti...Grazie...

Overthewall91 ha detto...

La copertina è adorabile :), ascoltali, non te ne pentirai.

face ha detto...

allora come va'?

Overthewall91 ha detto...

Tutto bene, Face :). In questo periodo sono molto impegnata, però, non so domenica, o qualche altro giorno vorrei ritagliarmi uno spazio per aggiornare blog, è fermo da più di un mese :(.

Raising Girl ha detto...

Adoro! E anche a me la canzone postata mi ha fatto venire alla mente i Kings Of Convenience (che adoro pure) :D

Overthewall91 ha detto...

:D.